Trentino, Digitalizzazione delle PMI in linea con la situazione nazionale: ma ancora 4 su 10 non hanno sito aziendale

Recenti dati Istat confermano che l’Italia è ancora il Paese europeo con il più alto numero di PMI, che rappresentano il 95% del totale delle unità produttive.

Un’indagine Doxa per Groupon ha analizzato un campione di 900 PMI italiane, equamente diviso tra imprese che almeno una volta hanno utilizzato Groupon per promuovere la loro attività commerciale (quindi sicuramente vicine al mondo web, da qui chiamate PMI 100% Online) e imprese che invece non hanno mai collaborato (forse ugualmente digitali ma lontane dal mondo del couponing, da qui in avanti chiamate PMI).

Obiettivo della ricerca è indagare la situazione attuale sulla digitalizzazione delle PMI in Italia, con anche un confronto rispetto alla stessa indagine condotta 4 anni fa.

Digital marketing: cresce il livello di coinvolgimento delle PMI

Rispetto al 2013, il livello medio di coinvolgimento delle PMI nel digital marketing è più che raddoppiato nel 2017 (dal 27% al 58%) ed è diminuita la quota di chi non utilizza strumenti digitali (dal 44% al 24%). Diminuisce anche la percentuale di chi non ha una strategia di marketing (dal 26% al 17%) e aumenta del 20% la percentuale di chi adotta un mix di mezzi digitali e tradizionali.

Attualmente la maggioranza delle PMI trentine ritiene che il web marketing  giochi un ruolo importante per lo sviluppo del proprio business; la percentuale è cresciuta del 30% arrivando a quota 56% nel 2017. Il web è invece fondamentale per l’81% delle PMI 100% Online che dimostrano una maggiore familiarità con le nuove tecnologie digitali.

Ma non siamo ancora in una fase di digitalizzazione avanzata

Rimane però invariata negli anni la percentuale di piccole medie aziende che hanno un proprio sito aziendale: pari sempre e solo al 63%. Il ruolo del web sugli acquisti non è infatti completamente compreso: solo il 50% delle PMI ritengono che il web influenzi fortemente i consumatori nel processo d’acquisto di prodotti e servizi (mentre tale percezione è condivisa dal 70% delle PMI 100% Online).

E qual è la consapevolezza delle PMI rispetto al mondo mobile? La ricerca ha provato ad indagare questo aspetto, visto che l’80% dei Mobile Surfer decide gli acquisti via smartphone, si relaziona via mobile con i propri marchi preferiti e 4 Mobile Surfer su 10 hanno la geo-localizzazione sempre attiva.

 Il Mobile e l’uso dei digital tool

Le PMI comprendono il ruolo del mobile, tanto che l’81% ha previsto l’ottimizzazione del sito per essere visto correttamente da cellulare e tablet e il 79% considera cruciale il tema della geo-localizzazione. La percentuale ovviamente cresce per le PMI 100% Online tra le quali risulta che 9 su 10 sono sensibili all’argomento. I pesi sono diversi anche di fronte alla domanda sull’aggiornamento del sito: il 60% delle PMI 100% Online aggiorna il sito almeno 1 volta al mese, contro il 44% della media generale. Le ragioni per le quali non viene aggiornato il sito sono il timore di costi troppo elevati, la convinzione che non sia così strategico per il proprio business e la consapevolezza di non essere in grado di farlo.

Analizzando i tool digitali utilizzati, si conferma il ruolo leader dei social network (Facebook su tutti), che rappresenta l’89% dell’intero “sforzo” promozionale digitale, sebbene probabilmente ad investimento ridotto e spesso poco consapevole. Le PMI Online attive, in questi ultimi 4 anni, hanno inoltre capito il ruolo chiave dei siti di ecommerce/app dedicate per promuovere il loro business (30% vs 19% del 2013). Pensiamo solo alla quantità di applicazioni tematiche che ognuno di noi ha scaricato sul proprio telefonino!

“Non solo abbiamo portato le aziende online, offrendo loro una vetrina digital –  afferma Nicola Cattarossi Managing Director Groupon Sud Europa – ma con lo sviluppo dell’App le abbiamo fatte entrare direttamente nelle tasche dei clienti. Oggi oltre il 60% delle transazioni in tutto il mondo proviene da mobile; per questo siamo diventati una Mobile Company. L’App Groupon in America è entrata recentemente nel ranking delle 25 App più scaricate, posizionandosi davanti ad altri grandi colossi”.

I benefici della digitalizzazione

In generale l’indagine registra che tra i Partner Groupon (PMI 100% Online) c’è una piena consapevolezza non solo dei benefici, ma anche delle reali prospettive di sviluppo che derivano dalla presenza online di un’impresa. Consapevolezza che inizia a prendere piede anche tra gli altri imprenditori. A guidare la classifica dei benefici continua ad esserci l’arrivo di nuovi clienti (94% PMI 100% Online vs 87% PMI Online attive), seguita da una questione prettamente di immagine (90% vs 87%) e dalla volontà di andare incontro alle esigenze dei consumatori che ormai fanno tutto con lo smartphone (90% vs 84%).

A queste motivazioni si stanno aggiungendo anche ragioni legate al business: il 77% delle PMI 100% Online vede tra i benefici della digitalizzazione quello di offrire nuovi servizi (vs 69% delle PMI Online attive) ed il 76% dichiara che la digitalizzazione è utile ad aumentare il fatturato. Quest’ultima percentuale è invece ancora un po’ debole tra le PMI Online attive (58%).