Ore 12:00. Ennesima rissa in Piazza Dante a Trento

Non si placano le risse in Piazza Dante a Trento dove anche a mezzogiorno è scoppiata l’ennesima rissa, coinvolte trenta persone, tra gruppi di nord africani che sembrano ormai in aperta guerra per il controllo della piazza posta davanti alla stazione ferroviaria e al Palazzo della Provincia. Il tutto nella giornata di oggi si è svolto con un lancio di sassi e di bottiglie di vetro.  In pochi minuti i cittadini che si trovavano nelle immediate vicinanze della piazza si sono allontanati lasciando spazio alle urla delle due fazioni.

I lanci di sassi e bottiglie è durato per alcuni minuti. Anche nella serata di ieri si era svolto uno scontro. Questa volta, però, sono stati coinvolti anche dei giovani che si trovavano al Liber Cafè e che partecipavano ad un evento organizzato proprio per restituire il parco alla comunità, da Matteo Molinari.

“Mi sono reso conto davvero che non siamo tutelati nel modo corretto da un sistema e da una giustizia che sarebbe tutta da rivedere”, ha affermato Molinari che poi si è proposto come promotore di eventi che possano rilanciare per l’ennesima volta una piazza che in questi giorni è stata fin troppo coinvolta da lotte di persone che non riconoscono la legge italiana.

Intanto però la rissa continua a coinvolgere sempre più stranieri. Se prima erano venti, ora sono diventati oltre una trentina.