A Ostia Meloni sfida gli alleati, estromettendo il Movimento Nazionale

«A Ostia è accaduta una cosa incredibile: Fratelli d’Italia, nonostante il parere contrario di tutti gli altri alleati di centrodestra, hanno rifiutato non solo l’appoggio di una nostra lista ma perfino l’inserimento di nostri candidati nella lista civica».  Lo dichiarano in un video pubblicato su Facebook, come rilanciato da Il Messaggero, il segretario e il presidente del Movimento Nazionale, Gianni Alemanno e Francesco Storace.

«Questo veto è stato voluto dal FdI ad personam, perché nella coalizione sono stati accettati anche altri movimenti che non hanno mai affrontato la prova elettorale e anche la Lista di Alfio Marchini, che fino a ieri per gli esponenti del Fdi era talmente estraneo al centrodestra da essere appellato come “Marxini”. Questo è stato possibile perché ad Ostia il candidato Presidente è proprio una iscritta di Fratelli d’Italia che ha permesso questa discriminazione. Infatti nelle elezioni regionali siciliane questo non è accaduto perché Nello Musumeci ha rifiutato ogni veto inserendo i nostri candidati sono nelle sue liste. Crediamo che in vista delle prossime elezioni politiche e regionali questo problema debba essere affrontato con chiarezza da tutto il centrodestra, che deve essere unito ed inclusivo al di là di ogni interesse settario e partitocratico. Per questo abbiamo scritto a tutti i leader del centrodestra per metterli a conoscenza di questa situazione inaccettabile».