Arrestato il marocchino che si masturbava sui bus di Torino per violenza sessuale

E’ stato arrestato ieri sera l’uomo che si masturbava contro le donne sui bus. Mosihne, il ragazzo di 26 anni di origine marocchina, è stato fermato nelle scorse ore dagli agenti del nucleo Progetti e Servizi Mirati della polizia municipale che lo hanno bloccato dopo una lunga caccia all’uomo. L’uomo è accusato di violenza sessuale ai danni di almeno due ragazze, che aveva preso di mira sulle linee degli autobus 68, a ottobre, e 59 a inizio agosto. Proprio questo secondo episodio è quello per cui è stata accordata la richiesta di misura cautelare dell’arresto, chiesta dalla pm Patrizia Gambardella.

La scorsa volta lui era di spalle e la dinamica non era evidente. Possibile che abbia scelto di non avere un contatto con la vittima ma si fosse allora limitato di eiaculare addosso a lei e poi scendere alla prima fermata. “La vittima riferisce di aver sentito del calore sulla coscia sinistra” dopo che lui è sceso dal tram. “Se l’avesse toccata per masturbarsi certamente avrebbe avvertito sensazioni ben diverse dal mero calore”. “Appare difficile perciò quantificare il gesto come violenza sessuale e non piuttosto come atto osceno” scriveva il giudice. Il fatto era stato registrato a novembre dalle telecamere installate sui bus per contrastare il fenomeno dei furti sui mezzi pubblici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*