Caso Biloslavo. Bisesti: "da cittadino trentino mi vergogno profondamente"

“Da assessore all’Università della Provincia autonoma di Trento, da ex studente dell’ateneo di Trento, ma soprattutto da cittadino trentino, mi vergogno profondamente di fronte a quanto successo nell’Università di Trento in occasione del previsto incontro con un giornalista di fama nazionale come Fausto Biloslavo”.

Con queste parole l’Assessore Mirko Bisesti è intervenuto nella giornata odierna per commentare le proteste di alcuni studenti contro la conferenza, successivamente annullata, che Fausto Biloslavo avrebbe dovuto tenere alla Facoltà di Sociologia di Trento.

Proseguendo nel suo intervento Mirko Bisesti ha ricordato come Biloslavo sia apprezzato e riconosciuto per la sua professionalità che per la sua lunga carriera, carriera che l’ha portato ad essere uno dei migliori reporter del mondo, aggiungendo: “impedire ad una persona di parlare, di diffondere le proprie idee è un fatto gravissimo, perché informare, ci tengo ancora una volta a sottolinearlo, è uno dei più sacrosanti diritti di un Ateneo e di uno Stato democratico così come il diritto al confronto civile. Di certo con l’Università degli Studi di Trento, provvederemo a realizzare l’evento: non sarà un gruppo di intolleranti, maleducati e violenti a fermare il diritto di dialogare civilmente in Trentino”.

Infine, concludendo il suo intervento, l’Assessore ha evidenziato come questi comportamenti non debbano ripetersi mai più e, dopo aver informato di aver portato le scuse, sue e di tutta la comunità trentina, a Fausto Biloslavo ha aggiunto come presto verrà organizzato un confronto con il rettore dell’Università sulla situazione di Sociologia e dei violenti.