Mentana: “L’autonomia trentina non ha più senso di esistere”

“L‘autonomia è un privilegio e non ha più senso di esistere”, è con queste parole che Enrico Mentana in piazza Cesare Battisti ha definito l’autonomia trentina, all’interno di un tendone rigonfio di gente che applaudiva a ogni sua dichiarazione.

Le sue parole contro la “specialità” trentina e sudtirolese sono state applaudite in una piazza piena di studenti universitari, tanti da fuori ma anche tanti giovani che nella Provincia Autonoma ci sono nati e cresciuti.

Eppure quelle persone che applaudivano sarebbero le prime a pagare le conseguenze di un’eventuale revoca e, in particolare, i giovani a cui era dedicato l’incontro.  Giovani che, grazie all’Autonomia, possono contare su un’università d’eccellenza, su servizi e incentivi invidiati da più parti e su un tessuto sociale ancora in grado di garantire un futuro da protagonisti alle nuove generazioni.  Cosa che lo Stato italiano, per stessa ammissione di Mentana, di fatto non riesce a fare.

Ma Mentana è stato una vera e propria “mitraglietta” ieri. “Qui la vostra fortuna è stata Degasperi che guarda caso, sorte vuole, l’uomo giusto al posto giusto… La storia è questa”, altre ragioni per il giornalista non ce n’è. “Io da quando ho l’età della ragione questa cosa dello Statuto speciale non la capisco”, ha affermato Mentana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*