Il PATT contro Mentana: “E’ contro la nostra autonomia”

Con riferimento alle dichiarazioni di Enrico Mentana, direttore del TG di LA7 ospite ieri in Piazza Battisti a Trento, il PATT ha ritenuto opportuno intervenire con forza. Quelle di Mentana, infatti, sono state ritenute parole inaccettabili e vergognose frutto di un’analisi superficiale e di una totale ignoranza della realtà delle autonomie speciali.

Simone Marchiori, vicesegretario del PATT, ha affermato: “Come autonomisti, ma soprattutto come trentini, non possiamo tollerare che un giornalista famoso e stimato come Mentana si lasci andare ad esternazioni che nulla hanno a che fare con la realtà della nostra terra. È scandaloso, infatti, che davanti ad una piazza gremita e senza alcuna possibilità di contraddittorio, il noto giornalista si sia permesso di offendere intere popolazioni che, da decenni e secondo la legge, lavorano per migliorare la propria condizione, far crescere la propria terra e veder rispettati i propri diritti. Basti pensare al passaggio in cui Mentana ha paragonato la SVP a fascismo e comunismo, dimenticando che il partito di raccolta sudtirolese è dal ’48 che riceve democraticamente la maggioranza dei consensi e governa, quindi, a pieno titolo la Provincia autonoma di Bolzano. Ma è altrettanto grave che il giornalista si permetta di sbeffeggiare le minoranze linguistiche invitandole ad andare in Austria solo perché non parlano italiano e rappresentano una cultura diversa.
Ancora una volta con arroganza si ribalta la realtà dei fatti”.

Marchiori ritiene che ancora una volta è prevalsa la logica secondo cui i problemi che affliggono l’Italia derivano dalle Autonomie speciali e non da un centralismo esasperato dello Stato e da un regionalismo incompleto che impedisce alle regioni ordinarie di mettere in atto quell’autogoverno in grado di valorizzare ogni singolo territorio. “Certo,  – continua Marchiori – è innegabile che ci siano autonomie speciali che funzionano ed altre che purtroppo rappresentano una fonte di sprechi senza fine, ma guardando alle parole di Mentana, la soluzione non è di certo quella di eliminare tutte le speciali, ma semmai di ampliare le forme di autonomia di quelle regioni che sono in grado di autogestirsi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*