Salvini: “Io Ministro degli interni? In tre mesi riporterei ordine e pulizia”

Matteo Salvini è intervenuto stamattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.
Sui banchi quasi tutti vuoti alla plenaria del Parlamento Europeo: “Io sono qui, sta accadendo l’ennesima presa in giro come succede da tre anni a questa parte. La Commissione Europea viene a spiegarci che stanno lavorando, che stanno pensando di risolvere il problema, che l’immigrazione non è un’emergenza. Per sentire queste cazzate le persone presenti in aula erano anche troppe. Altro paio di maniche è il Governo italiano che dorme. E’ complice, razzista e scafista. Noi abbiamo un Governo scafista. Questo è. Ne più ne meno. Juncker ha chiuso il proprio intervento dicendo ‘Viva l’Italia’? Sì, ma lui dal suo punto di vista fa bene a dirlo. E’ presidente non eletto, abusivo, partendo dal Lussemburgo, di una Commissione Europea che non rappresenta niente e nessuno, che distribuisce quattrini a suo piacimento e che ha un governo italiano complice, obbediente e servo. Al suo posto direi anche io ‘Viva l’Italia’, anzi canterei anche tutte le canzoni più popolari della musica italiana, visto che paghiamo e diventiamo un enorme campo profughi”. 
Sulle misure del Governo: “Renzi, Genitloni, Alfano, Boldini e Minniti sono tre anni che dicono che dobbiamo chiedere all’Europa. L’Italia dà ogni anno all’Ue 8 miliardi di euro. Bisognerebbe per prima cosa smettere di finanziare una Unione Europea che se ne frega. E poi chiudere i porti. La marina militare e la guardia costiera da chi dipendono? Dall’Unione Europea o dal Governo Italiano? Dal Governo Italiano. Bene, dai indicazione di salvare tutti, soccorrere tutti e riportare tutti indietro, dal primo all’ultimo, tanto si sa esattamente anche il metro quadro da cui sono partiti. In tantissime città si sta arrivando all’emergenza sociale. Io non vorrei che fosse una strategia studiata dal Governo per portare i cittadini all’esasperazione e poi a reagire in malo modo. A questo punto non penso più sia incapacità, penso che ci sia una volontà evidentemente studiata di scatenare la reazione degli italiani per poi lanciare l’allarme. gridare dagli al razzista, dagli al leghista. Abbiamo un gruppo di persone pericolose al Governo in questo momento”.
 
Su Pisapia: “Parla di modello Milano nell’immigrazione? Il suo è il modello Calcutta, il modello Nord Africa”.
Su chi lo vorrebbe Ministro dell’Interno: “Non faccio il toto ministri, so che se mi facessero fare per tre mesi il ministro dell’interno avendo la responsabilità dell’ordine pubblico in questo paese un po’ di pulizia e di ordine li riporterei. Non solo sul tema immigrazione. Anche in Italia abbiamo i nostri bei delinquenti. Leggo la notizia che arriva da Bari, con una bambina di dodici anni che è stata ripetutamente violentata da ragazzini tra i 13 e i 15 anni. Dove sono le mamme e i papà di questi schifosi? Dov’è la scuola? Dove sono le Istituzioni?”.
Su Donnarumma: “Ha rinnovato? No comment. Non commento gli undici milioni di euro a Fazio, non commento neanche i trenta milioni di euro a Donnarumma. Sono legato a un altro calcio”.
Su Giletti: “Nei suoi confronti c’è stato un chiaro caso di censura. Raccoglie 4 milioni di spettatori ogni domenica, porta nelle casse della Rai 7 milioni di introiti da spot pubblicitari, ha fatto inchieste scomode sulle pensioni d’oro, sugli assenteisti, sulla casta, ed è stato cancellato volgarmente dal palinsesto. E’ assordante il silenzio dei suoi colleghi. Mi fa pena la classe di questi pseudo giornalisti che pensano solo alle proprie chiappe e mi fa pena la Rai che mette il bavaglio a uno dei suoi migliori conduttori“.