Trentino TV, incontro tra editore e sindacati. La Fnsi: «Apertura positiva verso un percorso condiviso»

Si è svolto nella giornata di ieri, lunedì 6 febbraio, nella sede del sindacato giornalisti del Trentino-Alto Adige un incontro tra l’editore di Trentino Tv e le rappresentanze sindacali.

Al centro della riunione, i licenziamenti di tre giornalisti, “volti noti” della televisione locale, messi in atto dall’editore lo scorso 26 gennaio e che avevano fatto discutere muovendo diverse lamentele e interrogazioni, da parte di alcune fazioni politiche in merito al caso.

A muoversi Fnsi, Sindacato giornalisti del Trentino-Alto Adige e Fistel Cisl regionale, i quali non si sono certo fatti attendere, dichiarando: «Questi licenziamenti – commentano il vicesegretario della Fnsi Mattia Motta e il segretario del Sindacato giornalisti del Trentino-Alto Adige, Stefan Wallischerano e rimangono illegittimi, e in quanto tali da respingere al mittente. Tuttavia, come sindacato valutiamo positivamente l’incontro odierno perché, se il benservito ai tre colleghi non è accettabile, registriamo anche un’apertura della controparte verso un percorso condiviso che prenda le mosse da un piano industriale che punti al rilancio dell’emittente a partire dalla qualità dell’informazione. Un approccio che lascia margini di manovra».

Insomma, per il momento l’incontro, che ha fatto registrare una positiva apertura da parte dell’azienda verso un percorso condiviso, sembra aver dato ottimi segnali. Ora non resterà che attendere l’evolversi della vicenda.