TRIBUNALE MINORI DI TRENTO AL CENTRO DI UNA BUFERA

In foto: Gabriella Maffioletti impegnata nella lotta con CCDU onlus

Il Tribunale per i minorenni di Trento ha emesso oggi un decreto in cui si esplicita l’incompetenza e inadeguatezza della giustizia minorile nel nostro paese e di alcuni servizi sociali della nostra Provincia.

“Nel corso dell’udienza il giudice ha affermato, con mio sconcerto, «ora la ‘palla’ passa ai genitori» – ci riferisce Francesco Miraglia, legale della mamma – per prima cosa un bambino non è una ‘palla’ e secondo, non è assolutamente accettabile che un Tribunale chiuda una vicenda, che ha riguardato un bambino allontanato con la forza dai suoi genitori per 4 lunghi anni perché non sa in buona sostanza cosa fare!
Ancora più incredibile – prosegue Miraglia – è che lo stesso Servizio Sociale che 4 anni aveva sollecitato l’allontanamento del bambino perché la mamma era troppo amorevole oggi chiede la revoca del suo incarico.”
Riporta il Comitato dei Cittadini CCDU la conclusione a cui arriva l’avvocato dell’accusa: “Allora mi chiedo: il Servizio Sociale e il Tribunale per i minorenni hanno sbagliato adesso o hanno sbagliato prima? Probabilmente hanno sbagliato sia adesso che prima. Ciò che mi preoccupa sia come avvocato che come cittadino è la completa impunità di questi professionisti che sicuramente non pagheranno nulla per la sofferenza che hanno causato a questo bambino e alla sua famiglia per 4 anni. Mi auspico soprattutto – conclude l’avvocato – che l’operatore referente del caso in questione non si occupi mai più di minori e di famiglia.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*