Il cibo al tempo del Medioevo: tavole medievali

Cosa si mangiava nel 1400 in Italia? Quali erano i piatti più apprezzati dai nobili e come si nutriva invece il popolo? Prima della scoperta dell’America e del conseguente arrivo della patata, del mais e del pomodoro quali erano le materie prime che venivano utilizzate e come venivano cucinate? Quali erano le ricette più comuni e quali bevande venivano proposte durante i convivi? A queste e ad altre domande sulla vita medievale risponderanno tre grandi studiosi italiani che nel mese di ottobre saranno protagonisti nel ciclo di conferenze intitolato “Tavole Medievali”, incontri a ingresso libero che si terranno nella Sala Marangonerie del Castello del Buonconsiglio grazie al sostegno di Mediocredito Trentino Alto Adige e Cantine Mezzacorona.

Il celebre Ciclo dei Mesi affrescato nel 1400 in Torre Aquila dal maestro boemo Venceslao è uno tra i più noti capolavori del gotico internazionale ed è una straordinaria testimonianza pittorica della vita medievale, fatta anche di vendemmie, mietiture, semine ma anche di banchetti e nobili riunioni conviviali. Nel volgere del grande evento Expo di Milano tre incontri che avranno come tema il cibo e Torre Aquila animeranno il mese di ottobre al Castello del Buonconsiglio di Trento. Il primo si terrà venerdì 9 ottobre alle ore 18 con il professor Franco Cardini, grande studioso del Medioevo, che parlerà sul tema “La civiltà cortese fra Trento e la Toscana. Il Ciclo dei Mesi nel Castello del Buonconsiglio e i Sonetti di Folgore di San Gimignano”. Venerdì 23 ottobre alle ore 18 Antonella Campanini, insegnante all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo parlerà della “Cucina in Italia al tempo dei Ciclo dei Mesi di Torre Aquila: cibi e ricettari”. Concluderà il ciclo giovedì 29 ottobre alle ore 18 il professor Massimo Montanari, docente all’Università di Bologna e Pollenzo, con l’intervento su “La fabbrica del cibo. Paesaggio agrario e usi alimentari nel Ciclo dei Mesi”.

Fonte: PAT

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*