CYBERSICUREZZA: BANCHE AL SETACCIO

La cybersicurezza è una coperta di Linus; fino a che è stato possibile aziende, enti, istituzioni, persino le banche, si sono nascosti dietro a falle, virus, hackeraggi, errori di rete e di sistema per nascondere invece mancanze, errori umani o peggio frodi, se ricordare le testimonianze Golman Sachs e Monte dei Paschi l’errore informatico torna, sovente, tra le scuse per proteggersi dagli attacchi. Anche il Dipartimento per i Servizi Finanziari USA deve averlo capito.

Non devono però essere dello stesso parere i funzionari della Divisione Sicurezza Digitale USA che dal primo di dicembre inizieranno un controllo a tappeto nei maggiori istituti bancari nazionali per arrivare a scovare falle, porte, bug che potrebbero essere causa di errore o appunto, copertura di frode.

I pirati informatici esistono, come esistono gli hacker, sappiamo che lo user comune non può difendersi se non pazientando e cercando di aggiornare i sistemi. Questo non vale però dove si offre il servizio pubblico e si garantiscono privacy, sicurezza, anonimato. L’investimento economico per la sicurezza web bancaria e
aziendale è notevole e nel caso di servizio al pubblico lo paghiamo, è incluso nel prezzo, va garantito.

Le banche che saranno chiamate al controllo sono 200 ed è stato lo stesso Dipartimento per i Servizi Finanziari a voler fare verifica delle proprie banche, per la sicurezza dei clienti e per coprire agli obblighi assicurativi. Infatti la frode bancaria, similmente alla clonazione delle carte bancomat o al criptaggio della carta di credito, sono oggetto di indagine assicurativa, ovvero la banca copre il danno attraverso appunto un fondo assicurativo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*