GLI ULTIMI DATI DELL’ADICONSUM SUI MUTUI

A Marzo, secondo le rilevazioni effettuate da Crif, rispetto a marzo 2014, il numero delle richieste di mutuo da parte delle famiglie è salito del +49,4% e del +37,5% rispetto al I trimestre 2014 (gennaio-febbraio-marzo).

Le rilevazioni del Crif – dichiara Pietro Giordano, Presidente nazionale di Adiconsum  – mettono in luce anche una serie di differenze con il periodo pre-crisi, a partire dagli importi richiesti che sono più bassi, e dal fatto che molti richieste non riguardano nuove accensioni, ma surroghe o sostituzioni.

Le famiglie italiane – prosegue Giordano – versano ancora in gravi difficoltà e non riescono ad onorare le rate del mutuo e anche del credito al consumo. Come Adiconsum, ci battiamo da anni per misure che sostengano le famiglie in difficoltà, per scongiurare la perdita di un bene prezioso qual è la casa, non solo a livello economico, ma soprattutto familiare e sociale.

Oltre alla moratoria di 18 mesi dell’intera rata, abbiamo sottoscritto un accordo con l’Abi per la sospensione della sola quota capitale non solo per i mutui garantiti da ipoteche, ma anche per il credito al consumo di durata superiore ai 24 mesi.

Questo accordo – continua Giordano – ha un particolare significato per 4 motivi: per la prima volta è stata messa a punto una misura per il credito al consumo, come richiesto da noi da tempo; nella platea degli aventi diritto trovano posto anche i soggetti che hanno subito sospensioni o riduzioni dell’orario di lavoro (cassaintegrati o in mobilità) dovuta alla prolungata crisi economica; la sospensione va ad aggiungersi e non a sostituire altre misure di sostegno; potranno usufruirne anche famiglie che hanno già usufruito di precedenti  moratorie, purché non siano state richieste nei 24 mesi precedenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*