GRECIA: CORSA A BENI RIFUGIO, +15% PREZZI GRANO

In controtendenza al crollo fatto registrare dai mercati finanziari, è corsa a beni rifugio che spinge ad un forte aumento dei prezzi di tutte le materie prime agricole, con il prezzo del grano che ha aperto in aumento di quasi il 15% rispetto alle quotazioni dell’inizio della settimana scorsa al Chicago Bord of Trade (CBOT), il punto di riferimento mondiale delle commodities agricole. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sugli effetti della crisi greca sull’andamento dei mercati future del grano con consegna a settembre 2015.

“Anche se rimangono ben al di sotto di livelli remunerativi – sottolinea la Coldiretti – si sta verificando a livello internazionale una decisa scossa per le principali produzioni oggetto di contrattazione sui mercati a termine, dal grano tenero al mais”.

“Le fluttuazioni dei prezzi delle materie prime agricole – spiega la Coldiretti – sono sempre più condizionate dalle situazioni economiche e sociali internazionali sulle quali si innestano facilmente le speculazioni che si spostano con facilità dai mercati finanziari a quelli dei metalli preziosi come l’oro fino a quelli di grano, mais e soia”.

“Il risultato – afferma la Coldiretti – è una insostenibile instabilità dei prezzi dei prodotti agricoli che dipende sempre meno dall’andamento reale della domanda e dell’offerta e sempre più dai movimenti finanziari”.

“Gli andamenti positivi non si trasferiscono mai agli agricoltori che invece sono costretti spesso a subire le riduzioni delle quotazioni con compensi del tutto inadeguati”, conclude la Coldiretti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*