INFLAZIONE: +6,2% PREZZI FRUTTA E VERDURA, MA NEI CAMPI E’ CRISI

I prezzi dei prodotti vegetali crescono del 6,1% a luglio rispetto all’anno precedente, mentre quelli della frutta salgono del 4,2%, ma nei campi è crisi, con i compensi corrisposti agli agricoltori che non coprono ormai neppure i costi di produzione. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi all’andamento dell’inflazione in Italia a luglio, che su base annua cresce dello 0,2%, grazie anche all’aumento dello 0,8% fatto registrare dei prodotti alimentari, sotto la spinta dell’ortofrutta.

Un trend di crescita che non si trasferisce però agli agricoltori poiché si allarga sempre di più la forbice tra il prezzo corrisposto ai produttori e quello pagato dai consumatori al supermercato“, denuncia Coldiretti. Secondo un’analisi della Coldiretti, dal campo alla tavola le quotazioni della frutta moltiplicano, infatti, fino al 500%, dalle pesche pagate al produttore 0,30 euro e rivendute al consumatore a 1,80 euro alle susine, per le quali l’agricoltore si vede corrispondere 0,40 euro per poi ritrovarle sui banchi dei supermercati a 1,40 euro, dai meloni che da 0,40 euro schizzano a 1,40 euro al chilo, all’uva da tavola che si trova in vendita a 2,50 euro rispetto agli 0,80 euro dati a chi la coltiva.

E’ in atto una vera speculazione che sottopaga la frutta al di sotto dei costi di produzione agli agricoltori e non permette a molti cittadini di garantirsi il consumo di un prodotto indispensabile per la salute in questa stagione“, afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, sottolineando che “nella forbice dei prezzi dal campo alla tavola c’è margine da recuperare per garantire un reddito sufficiente agli agricoltori e acquisti convenienti per tutti i cittadini“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*