MERIDIONE: NUOVA CASSA PER IL MEZZOGIORNO IN VISTA?

E’ come gettare i soldi del contribuente dalla finestra“.

Iniziò nel 1950 e finì nel 1984, senza ottenere i risultati sperati: lo sviluppo economico del Meridione d’Italia. Si parla della Cassa per il Mezzogiorno.

Ora ci risiamo. Dopo il rapporto della Svimez, del cui contenuto abbiamo qualche perplessità, gli appelli dei Saviano di turno e le dichiarazioni del ministro allo Sviluppo Economico Federica Guidi che promette 80 miliardi per rilanciare il Mezzogiorno, è indispensabile far tesoro del passato: non serve più spesa pubblica per rilanciare il Sud“. E’ quanto dichiara il Segretario della Aduc, Primo Mastrantoni.

L’esperienza del passato ha dimostrato il contrario (si vedano le acciaierie di Bagnoli e il mancato, per fortuna, polo siderurgico di Gioia Tauro)“, spiega Mastrantoni, sottolineando che “secondo uno studio della Banca d’Italia, ad ogni euro di imposte pagate nel Meridione ne corrispondono due e mezzo di spesa pubblica. Continuare così non ha senso. E’ gettare i soldi del contribuente dalla finestra“.

Meno burocrazia, meno fisco, meno criminalità, meno assistenzialismo. Questi dovrebbero essere gli aiuti dello Stato. Continuare con gli stanziamenti a pioggia non servirà a nulla, è spreco di denaro pubblico, cioé nostro“, conclude Primo Mastrantoni.

[Photocredit urbanpost.it]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*