G7, la Germania divorzia dagli Usa: “L’Europa prenda in mano il suo destino”

La Germania non ha più fiducia negli Usa. E’ questo ciò che è emerso dal G7 tenutosi a Taormina. Stando a quanto riferiscono i media tedeschi, l’incontro di due giorni in Sicilia ha segnato profondamente le convinzioni di Angela Merkel negli alleati statunitensi. “I tempi in cui potevamo fare pienamente affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo, questo ho capito negli ultimi giorni”, ha affermato la Cancelliera in un discorso tenuto in occasione di una manifestazione politica organizzata dal Partito cristiano-sociale bavarese (Csu) a Monaco di Baviera. “Noi europei dobbiamo davvero prendere il nostro destino nelle nostre mani”, ha aggiunto la Merkel.

“Tuttavia – ha sottolineato – dobbiamo sapere che dobbiamo lottare noi stessi per il nostro futuro e il nostro destino di europei”. A deludere, com’è noto, è stata in particolare la posizione statunitense sulla lotta al riscaldamento globale e l’adesione agli impegni assunti su scala internazionale nell’ambito dell’Accordo di Parigi dello scorso anno.

Posizione scettica e distaccata che la Casa Bianca non sembrerebbe intenzionata a riemettere in discussione, malgrado Trump abbia ripetuto anche alla conclusione del vertice di Taormina di voler analizzare meglio il dossier dal punto di vista degli interessi nazionali americani. Secondo alcune fonti l’intenzione del Presidente sarebbe quella di sfilare gli Stati Uniti dall’accordo parigino.

Certamente Trump, a differenza della Merkel, considera positivamente l’esito del G7 siciliano. “E’ stato un grande successo per gli Usa”, scrive in un tweet il Presidente. “Lavoro duro e grande risultato”, è la valutazione dell’Inquilino della Casa Bianca.

[Photocredit: Hungary Today]