Siria: Mosca, missili da navi russe contro obiettivi Isis

Missili lanciati da navi militari russe schierate nel Mediterraneo orientale hanno distrutto postazioni di comando e depositi di armi e munizioni dell’Isis vicino ad Akerbat, nella provincia siriana di Hama.

Secondo il Ministero della Difesa russo, sarebbero state distrutte le postazioni di comando e i depositi armi. “I lanci di sei missili da crociera Kalibr – sostiene Mosca – sono stati effettuati dalla parte orientale del Mediterraneo dalle fregate ‘Ammiraglio Essen’ e ‘Ammiraglio Grigorovich’ e dal sottomarino ‘Krasnodar’ su obiettivi del gruppo terroristico Isis in Siria”.

Il sottomarino ha lanciato i razzi da posizione sommersa si apprende dall’agenzia giornalistica Ansa. Altri obiettivi dell’Isis – fa sapere il ministero della Difesa russo – sono stati colpiti con successivi raid aerei. Mosca sottolinea di aver avvertito in tempo Turchia e Israele dell’attacco.

Il ministero della Difesa ha reso noto il video del lancio che riportiamo integralmente:

I militari russi hanno informato Turchia e Israele prima di lanciare i missili. L’ennesima operazioni anti-terrorimo quest’ultima da parte di Mosca, che ancora una volta assesta un duro colpo all’Isis in Siria.

Altre operazioni erano state già condotte dal governo del cremlino, che mai come questa volta sembra deciso a mettere la parola fine a questa situazione, nonostante la delicata fase diplomatica con gli Stati Uniti.

Mosca infatti ha esplicitamente minacciato di trattare tutti i velivoli della coalizione internazionale sotto le ali di Washington come «obiettivi» dopo che un pilota americano, per la prima volta in sei anni di conflitto, ha abbattuto un aereo del governo di Damasco accusato di bombardare forze dell’opposizione a Bashar al-Assad impegnate contro Isis.