Il referendum interessa anche l’estero, soprattutto la Germania

A poche ore dal risultato del voto sul Referendum non resta in allerta solo l’Italia, ma anche l’estero. In Germania si è parlato parecchio del referendum sulla modifica della Costituzione, anche se non per la Costituzione in sè, quanto piuttosto per il timore di un esito negativo.
In radio e in televisione si sente dire: “Se vince il No, il premier Renzi si dimetterà“. Come si legge anche su Focus Online Politik, in caso in cui il voto fosse a sfavore della modifica alla Costituzione, si potrebbe temere una crisi imminente del governo e insicurezza nei mercati finanziari. Fondamentalmente alla Germania interessa dell’equilibrio del futuro economico e politico europeo, minacciato dalla vincita del “No”.

C’è anche un altro aspetto di cui i media si interessano particolarmente: il fatto che l’Italia potrebbe essere il secondo Paese ad uscire dall’Unione Europea. Temevano per l’Austria, con le elezioni della giornata di oggi, ma avendo vinto Van der Bellen hanno tirato un sospiro di sollievo. Il pericolo Öxit è stato scampato per miracolo.
L’Europa non è meno disinteressata al voto italiano: su www.express.co.uk si legge addirittura che “gli italiani stanno decidendo per il Referendum, il quale sta minacciando di seguire il sentiero della Brexit e scuotere l’Unione Europea e il mondo intero“.


Le Monde
, quotidiano francese, intitola un suo articolo nel modo più disfattista possibile: “La fragile economia dell’Italia sospesa al risultato del Referendum“. In poche parole, se vince Renzi, l’Italia (o l’Unione Europea?) è salva, mentre se vince il No, vincono i populisti, e l’economia italiana sarà un fallimento e minaccerà l’economia degli altri Stati membri.

Si evince insomma che anche gli altri Paesi hanno capito che non è un referendum per o contro la Costituzione, ma a favore o sfavore di Matteo Renzi, e che ciò può comportare delle conseguenze di grandezza non indifferente. Se prima l’Italia non era poi così tanto considerata, adesso, dopo la Brexit e la vincita di Donald Trump negli Stati Uniti, anche il Paese dei maccheroni sta facendo tremare tutta Europa.

Melissa Toti Buratti