Si utilizza la scansione dell’iride per aiutare in Giordania i profughi

Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) in Giordania ha lanciato oggi un sistema di pagamento innovativo con scansione dell’iride, consentendo ai rifugiati siriani che vivono nei campi di comprare beni alimentari da negozi locali usando la scansione dell’iride invece che contante, buoni alimentari o carte di credito.

 

Oggi, una rifugiata siriana nel campo King Abdullah Park, nel nord della Giordania, ha usato il fondo mensile che le viene assegnato pagando la spesa in un supermercato non con la solita carta prepagata ma guardando in una fotocamera per la rilevazione dell’iride. 

 

“Si tratta di un pietra miliare nell’evoluzione del nostro programma di assistenza alimentare, che è cambiato di molto rispetto ai primi mesi della crisi siriana, quando distribuivamo pacchi di cibo” Mageed Yahia, ha detto il Direttore del WFP in Giordania.

 

“Con il sistema di scansione dell’iride, stiamo perfezionando la consegna dell’assistenza alimentare, diventando più efficienti, rafforzando i sistemi di controllo e rendendo più facile e sicuro per i rifugiati fare la spesa. Il fatto che ciò accada in Giordania lo rende ancora più importante perché speriamo che sia un contributo ulteriore agli sforzi del paese di diventare un centro regionale per la tecnologia.”

 

Il sistema innovativo del WFP si basa sui dati biometrici di registrazione dei rifugiati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e lavora in collaborazione con i partner giordani del WFP, IrisGuard, la società che ha sviluppato la piattaforma di scansione dell’iride, Jordan Ahli Bank and la loro controparte Middle East Payment Systems (MEPS).

 

Una volta che l’iride è stata scannerizzata, il sistema comunica automaticamente con il database di registrazione di UNHCR per confermare l’identità del rifugiato, prima di arrivare automaticamente alla Jordan Ahli Bank attraverso il gateway finanziario di Middle East Payment System per determinare il saldo rimanente del rifugiato. Il sistema conferma poi l’acquisto prima di stampare lo scontrino.

 

Nei prossimi mesi, il WFP esplorerà la possibilità di estendere l’uso del suo sistema di pagamento con scansione dell’iride per i rifugiati siriani che vivono in tutti i campi rifugiati in Giordania. In base al successo del sistema nei campi, il WFP potrebbe ampliare l’uso di questa tecnologia anche nelle aree fuori dai campi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*