Il 13 e 14 maggio: la “Festa dell’Europa” a Trento

Due giornate di appuntamenti, il 13 e 14 maggio prossimi, per festeggiare anche in Trentino la “Giornata dell’Europa”, qualche giorno dopo il 9 maggio, la data che ricorda quel 9 maggio 1950 quando Robert Schuman pronunciò la celebre “dichiarazione” che porta il suo nome e che ha sancito la nascita dell’Europa unita.

A quasi 70 anni da allora l’Unione europea è entrata in quella che è forse la più grave crisi che mai l’abbia coinvolta e uno dei motivi principali –se non il principale – alla base di questa crisi è la gestione del flusso di migranti.
La “Giornata dell’Europa”, che il Servizio Europa della Provincia autonoma di Trento tramite i suoi Europe Direct Trentino e Centro di Documentazione Europea vuole celebrare, non può naturalmente non tenere in considerazione questo fatto, ma vuole anche mettere in evidenza quanto si sta realizzando in Trentino grazie ai progetti e cofinanziati dall’Unione europea.

Si inizia venerdì 13 maggio alle ore 17.00, quando nella Sala conferenze della Fondazione Caritro, si svolgerà la tavola rotonda dal titolo “Migrazioni, frontiere, lavoro: quale futuro per l’Europa?”. Marco Brunazzo del Centro Jean Monnet dell’Università di Trento, Luisa Chiodi dell’Osservatorio Balcani e Caucaso, Cristina Molfetta dell’ufficio “Migrantes” di Torino e il giornalista Lorenzo Robustelli della testata on line “eunews.it”, moderati da Vittorino Rodaro, proveranno a rispondere a domande legate alla prevedibilità del fenomeno dei flussi migratori, all’esistenza o meno di una governance europea, alla politica di accoglienza dell’UE e legate anche al senso di festeggiare oggi l’Europa e al fatto se è ancora possibile, per i nostri giovani, credere al sogno europeo.

Sempre di migrazioni, ma in un’accezione più economica, si parlerà sempre venerdì ma alle ore 19.00 nella Sala rosa della Regione con la seconda tavola rotonda, dal titolo “L’Europa del libero scambio, competitività e migranti: opportunità o limite?”, con la partecipazione del vicepresidente della Giunta provinciale Alessandro Olivi e di rappresentanti delle organizzazioni sindacali e delle categorie economiche, moderati in questo caso da Gabriele Buselli.

Più orientata a quanto l’UE ha fatto e sta facendo per i cittadini sarà la giornata di sabato 14 maggio che avrà per palcoscenico la centrale piazza Cesare Battisti.

“Con i soldi dell’Europa…” dalle 15 alle 18 presenterà in undici punti informativi altrettanti progetti cofinanziati dall’UE e realizzati o in corso di realizzazione in Trentino grazie al Fondo Europeo di Sviluppo regionale, al Fondo Sociale Europeo e a programmi come ad esempio LIFE, Horizon, Erasmus+; gli stessi progetti saranno illustrati a rotazione ogni 15 minuti in un apposito corner.

Contemporaneamente uno spazio dedicato ai più piccoli consentirà ai bambini di avvicinarsi in maniera divertente alle tematiche europee, mentre i più grandi potranno ricevere informazioni e materiale di approfondimento sulle diverse politiche dell’UE.

E per finire, alle 18.30 nello spazio archeologico sotterraneo Sas, sulla strada romana, lo spettacolo “L’Europa di Jack”. La storia prende corpo nella forma del reading animato, con i modi e il linguaggio propri del teatro di narrazione, per mostrare in che modo l’Europa sia una concreta opportunità per il futuro dei giovani e come essa porti vantaggi e diritti concreti nella vita di ciascuno di noi