ARTE SELLA, EMOZIONI A CHILOMETRO ZERO

Lo spettacolo della natura incontra lo spettacolo della crescita umana: sarà Pino Petruzzelli, in veste di produttore, regista e attore a portare in scena la vita di Giancarlo Godio, cuoco piemontese. Il percorso che ha portato Godio a lasciare la sua terra, il Piemonte, per trovare lavoro, lo ha fatto giungere in Val d’Ultimo in Alto Adige. Qui ha trovato non solo un’occupazione, ma anche la sua dimensione personale. Lo spettacolo è la celebrazione della coincidenza e del bagaglio culturale del fare. Il regista, che per l’occasione vestirà appunto i panni di attore, racconterà la storia di un uomo che ha fatto la sua fortuna partendo dal niente, diventando una cosa sola con la montagna e proponendo nel suo ristorante il meglio di ciò che la natura intorno a lui proponeva, seguendo il ritmo benevolo delle stagioni e delle emozioni a chilometro zero.

A questo punto si potrebbe fare una riflessione sul concetto di fortuna. Siamo abituati a pensare a lei come a qualcosa di straordinario: alcuni vivono un’intera vita alla sua caccia. Che sia un biglietto della lotteria, che sia tentare la sorte a un tavolo verde, in ogni caso c’è una componente scintillante, quella di sentirsi in credito nei confronti del destino e il pensiero che, prima o poi, i “sacrifici” dovranno essere ricompensati. I sacrifici però sono altri, così come esiste una fortuna diversa.

Gli antichi romani avevano individuato due tipologie di fortuna: la fortuna major e la fortuna minor. La prima era collegata al trionfo, ai regali, agli oggetti preziosi. La fortuna minor invece era l’occasione da non lasciar perdere, con la consapevolezza che potesse non perdurare. Quel genere di fortuna che va gestita con intelligenza (anche emotiva) per fare in modo che produca benessere.

Lo spettacolo “Chilometro zero” è l’odissea dell’uomo moderno, la sfida quotidiana ai suoi stessi mezzi e ai sogni che lo muovono. Un ritratto autentico nel quale sarà facile riconoscere delle radici umili che hanno portato alla fioritura di un viaggio e successivamente ai frutti di una dimensione su misura. Non mancherà l’azione: in un contesto pittoresco fra contrabbandieri e radio tenute a volume troppo alto, gli incontri s’incatenano e la trama si infittisce, fino ad arrivare alla serenità fuori dal mondo, un piccolo luogo dove possono sopravvivere soltanto le anime più grandi.

Chilometro zero” andrà in scena sabato 12 luglio 2014 presso Malga Costa, in Val di Sella, ingresso 10 euro. Sarà possibile effettuare la prenotazione (obbligatoria) chiamando direttamente Arte Sella al numero 0461.751251, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12 ed il giorno dell’evento.

Viviana Leveghi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*