Lega Nord: “Basta ciacere sulla statale della Valsugana”

“Basta ciacere” sono queste le parole usate dai rappresentanti della Lega Nord della Valsugana in merito alle ultime dichiarazioni di alcuni sindaci e rappresentanti delle istituzioni della Bassa Valsugana e Tesino sulla statale.

I rappresentanti della Lega Nord della Valsugana sono d’accordo per organizzare a breve un corteo lumaca, rispettando il nuovo limite dei 70Km/h per far capire che questa non è la soluzione appropriata che risolverà il problema, e tantomeno lo sarà il blocco totale del traffico, proposto da alcuni, che anzi creerà ancora più problemi alla circolazione e alla popolazione. “La scelta dell’assessore Gilmozzi di mettere nuovi limiti di velocità e divieti di sorpasso è solo una soluzione tampone, giusto per far vedere che qualcosa sta facendo, ma NON è la soluzione. I sorpassi azzardati saranno ancora di più, a causa di automobilisti indisciplinati sicuramente, ma l’aver abbassato il limite di velocità causerà ancora più incidenti. Ricordiamo inoltre che a marzo è stato approvato il progetto della Valdastico Nord in Veneto, un progetto importante e strategico per lo sviluppo economico del NordEst e dunque non appena i lavori saranno terminati vi sarà un ulteriore riversamento di traffico sulla SS47 della Valsugana. La Valdastico non sarà magari la soluzione a tutti i problemi, ma porterà via gran parte del traffico di passaggio e dire di no perchè non è una soluzione immediata non ha alcun senso. Altrimenti fra 10 anni ci ritroveremo ancora lì a dire non si deve fare perché ci vogliono 10 anni… e così via… Ricordiamo inoltre che l’assessore Gilmozzi nel 2014 minacciava il ricorso alla Corte Costituzionale contro le decisioni del Governo sulla Valdastico perché bisognava puntare sul potenziamento della ferrovia e all’incentivazione del traffico su rotaia, ma sarebbe bello sapere dal 2014 ad oggi che cosa abbia fatto l’assessore Gilmozzi per realizzare questo suo progetto e come avrebbe pensato di farlo”.

Inoltre per la Lega Nord chiedere un incontro all’assessore non risolverà il problema, sono decenni che se ne parla, sono decenni che si organizzano tavoli, incontri, riunioni, ma poi tutto rimane come al solito fermo, e così sarà anche ora. “Se ne parlerà, – afferma la Lega Nord Valsugana –  si farà l’incontro tra amministratori e assessore, verrà fissato dopo le vacanze estive e non cambierà assolutamente niente. In vista delle provinciali del 2018 ci saranno progetti, incontri, serate e poi passata la data fatidica noi resteremo con le nostre 2 corsie, con magari uno spartitraffico centrale che servirà solo a rallentare ulteriormente la circolazione, o peggio i cordoli laterali così evitare frontali sarà ancora più difficile”.

La Lega Nord Valsugana è quindi per il sì alla Valdastico, iniziando a progettare le 4 corsie anche su quel tratto di strada.