Bezzi: “PATT senza limiti etici”

“Quanto riportato nell’interrogazione del collega consigliere Cia e apparso sui media locali relativamente alla modalità di gestione di alcuni incarichi da parte dell’attuale Sindaco di Grigno (uomo del PATT), al di là che questo abbia o meno dei risvolti giudiziari, mette nuovamente in risalto quanto più volte ho sottolineato e pubblicamente dichiarato, l’arrivismo e la sete di potere di chi siede al comando nelle amministrazioni pubbliche”. Sono queste le dure parole pronunciate da Giacomo Bezzi a seguito delle ultime vicende che hanno interessato il Comune di Grigno.

“Anche in questo caso l’arroganza prende il sopravvento sul buonsenso e il dilagare di situazioni ambigue che contornano amministratori e figure istituzionali passa quasi sottotraccia a conferma di un lassismo legalizzato, casi simile sono quanto mai inopportuni se inseriti nel contesto socio-economico attuale che ha messo in crisi il settore edile e conseguentemente gli studi tecnici”.

Giacomo Bezzi ritiene che procedere in questo senso senza curarsi delle esigenze dei cittadini, anche se come si legge nella risposta del Sindaco la norma regionale lo prevede, denota mancanza di rispetto e altezzosità, dote che sembra essere divenuta una peculiarità dei componenti del PATT. Detto questo, Bezzi auspica che il Sindaco in questione in segno di ragionevolezza rifletta sull’adeguatezza di dimissioni.