Centro accoglienza a Bolzano, Bezzi: «Sconveniente utilizzare il termine “lager”»

Quanto emerge dalla stampa in merito alle presunte condizioni in cui versano i migranti ospitati a Bolzano all’interno dell’ex Centro Alimarket lascia sconcertati. La stampa – afferma in una nota Giacomo Bezzi, Forza Italia Trentino – utilizza il termine “lager”, dal dizionario: “Campo di concentramento o internamento per prigionieri di guerra o politici; nella Germania nazista, campo di sterminio destinato soprattutto ai detenuti per motivi politici o razziali”, per definire il trattamento riservato a quanti sono ospitati nella struttura.

“Trovo che detto termine, il quale sembrerebbe essere stato adoperato dai rappresentanti istituzionali dei 5Stelle per sollevare il problema, – continua Bezzi – risulti inappropriato e puntualizzo molto sconveniente. Tale parola infatti rievoca nella mente di ognuno situazioni aberranti e per rispetto a quanti hanno trovato la morte in questi orribili luoghi ne andrebbe ben ponderato l’utilizzo”.

“Di fatto nei campi di concentramento le persone erano “internate”, – si continua a leggere nella nota – mentre nei centri di accoglienza, lo dice la parola stessa sono “accolte”: il confronto perciò non può esistere!”

“Se però ciò rispecchiasse anche solo marginalmente quanto accade nel centro di accoglienza in questione o in altri presenti sul territorio regionale, – continua – sarebbe indiscutibilmente l’emblema del fallimento dell’accoglienza e dell’integrazione della nostra Regione”.

“Per tale motivo, intendo presentare al Consiglio regionale una interrogazione che tolga ogni dubbio in merito e possa dare risposte certe ed inequivocabili ad eventuali situazioni discriminanti che possano riportare alla mente condizioni disumane”, ha infine concluso nella nota stampa.