Fraccaro: “La maggioranza difende Baratter solo per proprio tornaconto”

“Dopo la sentenza di condanna per corruzione elettorale del patto siglato con gli Schützen, le immediate dimissioni del consigliere trentino Baratter rappresentano un atto dovuto. I partiti di governo invece difendono l’esponente del Patt e lo fanno solo per il proprio tornaconto politico, perché in caso di sue dimissioni subentrerebbe un consigliere di opposizione. È scandaloso: per il presidente Rossi e la sua maggioranza il salvataggio di una poltrona viene prime delle istituzioni“. Lo dichiarano il deputato Riccardo Fraccaro e il consigliere provinciale Filippo Degasperi del M5S. La vicenda è sorta dopo che è emerso un documento che prevedeva un accordo di scambio di voti tra il Consigliere provinciale e un gruppo di Schutzen.

“La sentenza – aggiungono i due esponenti pentastellati– ha sancito che i voti raccolti dalla maggioranza sono stati inquinati dalla corruzione elettorale, Rossi e i suoi alleati hanno il dovere di sanare questo vulnus. Fare da scudo a Baratter solo per un mero calcolo politico è vergognoso, perché significa anteporre gli interessi di bottega a quelli della collettività. Il Presidente e i partiti di maggioranza si rendano conto della gravità di questa situazione e chiedano subito a Baratter di dimettersi, altrimenti saranno corresponsabili di una vicenda gravemente lesiva per il nostro territorio che – concludono i portavoce – non potrà in alcun modo essere tollerata”.