Gli Schutzen solidali con il popolo della Catalogna

In vista del referendum catalano per l’indipendenza dalla Spagna e “per dimostrare solidarietà al popolo catalano”, gli Schutzen, i “tiratori scelti” altoatesini, hanno esposto una grande bandiera catalana vicino le rovine del Castel Maultasch a Terlano. Il vessillo è perfettamente visibile dalla Val d’Adige, tra Bolzano e Merano. I secessionisti altoatesini seguono “con interesse la consultazione”, come spiega il comandante Elmar Thaler, che viene vista anche come una strada da percorrere per separare l’Alto Adige dall’Italia.

Intanto a Barcellona già ci sono le file per andare a votare. Secondo quanto riporta la stampa locale, attivisti indipendentisti hanno passato la notte a sorvegliare i seggi che dovrebbero aprire alle 9, anche se la Guardia Civil ha sbarrato gli ingressi. In alcune zone della città sono stati allestiti banchetti all’aperto per consentire il voto. Le urne e le schede per il referendum sull’indipendenza in Catalogna sono arrivate in alcuni seggi elettorali presidiati dagli indipendentisti. L’arrivo del materiale elettorale viene accolto da applausi e grida: “Voteremo! Voteremo!”. “Se il materiale elettorale è arrivato al tuo seggio, non diffondere la notizia. Non diamo piste”, consiglia un tweet dell’account degli organizzatori.

La situazione in Spagna resta piuttosto allarmante, con il governo che sta cercando in tutti i modi di bloccare un trionfo dei si all’indipendenza.