La moschea più grande del nord Italia che la sinistra voleva costruire non si farà

Fratelli d’Italia mantiene gli impegni: a Sesto San Giovanni grazie al sindaco Di Stefano e all’assessore all’urbanistica di FdI Antonio Lamiranda, la moschea più grande del nord Italia che la sinistra voleva costruire non si farà.

Questo risultato è il coronamento di una lunga battaglia iniziata dai banchi dell’opposizione e sulla quale avevamo preso con i cittadini un impegno chiaro. Io stessa a pochi giorni dal ballottaggio ho partecipato ad un presidio organizzato da Fratelli d’Italia davanti all’area in cui sarebbe dovuta sorgere un’opera che oggi scopriamo essere priva di molti requisiti minimi amministrativi richiesti dalla legge. Promessa mantenuta e complimenti al sindaco e alla giunta”.

Lo scrive su facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni che torna su un tema già ampiamente dibattuto dalla leader di Fratelli d’Italia e dall’opinione pubblica, quest’ultima abbastanza contrariata dall’idea di una presunta moschea in un periodo storico in cui la sicurezza e l’ordine pubblico dovrebbero essere la prima cosa. 

Giorgia Meloni aveva già affrontato la questione diverso tempo fa, dichiarando: “la sinistra buonista vuole trasformare la ex Stalingrado nella nuova mecca d’Italia” aggiungendo minacciosamente: “la sinistra alleva un mostro in casa”, prodigandosi contro l’amministrazione di sinistra che voleva far costruire la più grande mecca del Nord Italia a Sesto San Giovanni.