Borghezio: “Forze dell’ordine più sicure, grazie alla proposta della Lega”

“Gli uomini e le donne delle Forze dell´Ordine saranno salvaguardati e meglio assistiti, nel deprecabile caso di infermità e/o menomazioni, come nel recente caso del coraggioso poliziotto di Firenze”.

A dichiararlo è l’onorevole Mario Borghezio (Lega Nord), commentando la proposta di legge a prima firma Molteni e Fedriga presentata dalla Lega alla Camera. “Era ora che si ponesse rimedio, a livello normativo, ad alcune lacune del nostro ordinamento che, ad oggi, non riconosceva ancora agli infortunati per causa di servizio appartenenti alle Forze dell´Ordine, tutele assicurative pari a quelle previste per le vittime degli incidenti sul lavoro”.

“Questa proposta italiana – aggiunge Borghezio – va portata anche al Parlamento Europeo, affinchè, anche a livello comunitario, sia assicurata analoga previsione ai poliziotti degli Stati Membri, senza dimenticare anche le vittime del terrorismo, per le quali va parimenti riconosciuto anche in Italia il diritto a copertura analoga a quella delle vittime degli incidenti sul lavoro”.

Le polemiche circa i fatti di Firenze, che avevano visto coinvolto un artificiere nell’esplosione dell’ordigno davanti a una libreria affiliata a Casa Pound, in cui aveva successivamente perso un occhio e una mano, ( un danno che per cui lo Stato non prevede alcun indennizzo o assicurazione ) hanno sollevato i riflettori sulle mancate tutele degli agenti di polizia e degli appartenenti alle forze dell’ordine. Ora rimesse in discussione.