Governo Gentiloni, Gioventù Nazionale (FDI-AN) manifesta davanti alla sede del PD

Nella serata di ieri, 13 dicembre, un centinaio di militanti di Gioventù Nazionale, il movimento giovanile di Fratelli d’Italia, ha manifestato davanti alla sede del Partito Democratico a Roma per chiedere elezioni immediate.

«Ormai – spiegano Daniele Saponaro, Fabio Roscani e Francesco Todde, dirigenti nazionali del movimento presenti alla manifestazione –  il Pd ci ha preso gusto e ritiene il Consiglio dei Ministri la propria squadra di domestici, da gestire a proprio piacimento. Sappiamo bene – continuano i tre dirigenti – che spetta al presidente della Repubblica affidare l’incarico al Presidente del Consiglio, ma sappiamo altrettanto bene che è impossibile ignorare la volontà popolare uscita dalle urne il 4 Dicembre: è stato lo stesso ex premier a voler personalizzare il referendum, rendendolo così un giudizio politico sull’operato suo e della sua squadra di Governo, e gli italiani si sono espressi nella maniera più chiara possibile, bocciando lui e i suoi Ministri».

Continuando «Dimettersi per lasciare a un suo fedelissimo il timone significa ritrovarci un “Governo Renzi senza Renzi”, un’altra presa in giro, stavolta inaccettabile per gli italiani. Abbiamo manifestato davanti alla sede del Pd – concludono – per esigere una legge elettorale nel più breve tempo possibile e poi subito le elezioni, per far scegliere agli italiani i propri rappresentanti. Nel frattempo ci complimentiamo con il Pd che con questi trucchetti privi di ogni logica democratica è riuscito anche quest’anno ad arrivare al panettone».

Quella di ieri è la seconda manifestazione di piazza organizzata da Gioventù Nazionale in pochi giorni. Lo scorso 10 dicembre, infatti, i giovani di Fratelli d’Italia erano in Piazza del Quirinale con motorini, manifesti e bandiere a gridare: “Elezioni Subito!”.

I loro striscioni avevano colorato tutta la zona del Colle per chiedere al Presidente Mattarella di ascoltare il popolo italiano e tornare alle urne.