Manovra, Sgravi alle coop che assumono rifugiati a tempo indeterminato

“Vergogne di fine legislatura firmate PD: la Commissione Bilancio approva un emendamento alla manovra che concede sgravi alle coop che assumono rifugiati a tempo indeterminato. È uno schiaffo in faccia ai milioni di disoccupati italiani, è una delle prime porcate della sinistra che cancelleremo quando andremo al Governo”.

È quanto dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che torna sulla questione della manovra approvata dalla Commissione Bilancio. Così come confermato anche su La Stampa, tra le tante modifiche attuate nella nuova manovra anche l’addio alle buste paga in contanti e sgravi per chi assume rifugiati. La manovra, con la discussione generale sulla legge di bilancio che si terrà giovedì, è alle battute finali. Pronta a creare nuove polemiche.

Più sgravi a coop che assumono rifugiati: di cosa si tratta?

Un contributo, fino a tre anni, per ridurre gli sgravi dei contributi previdenziali e assistenziali per le coop sociali che assumono nel 2018 a tempo indeterminato «persone a cui è stata riconosciuta protezione internazionale a partire dal primo gennaio 2016». Lo prevede un emendamento approvato in commissione. La proposta prevede l’erogazione di «un contributo entro il limite di spesa di 500mila euro annui a riduzione dello sgravio delle aliquote per l’assicurazione obbligatoria previdenziale e assistenziale».