UE, ITALIA UNICA: “RENZI SU QE E’ PURA MISTIFICAZIONE”

“Renzi oggi, dichiarando che QE, Piano Juncker e parità Euro/Dollaro sono merito del Semestre italiano di presidenza UE, ha dipinto il suo capolavoro. Un capolavoro fatto di ignoranza istituzionale, mancanza di rispetto dei ruoli, incapacità di leggere la realtà e poca memoria”. Lo scrive Massimo Brambilla, componente della direzione nazionale di Italia Unica, sul sito del partito fondato da Corrado Passera.

“Ignoranza istituzionale – spiega Brambilla – perché affermare che la presidenza di turno dell’Unione sia in grado di influenzare le decisioni in materia di politica economica della BCE vuol dire ignorare che alla base dell’efficacia dell’azione della stessa c’è il principio dell’indipendenza dalla politica”.

“Mancanza di rispetto, perché – continua Brambilla –  il solo affermare che le decisioni di Draghi siano state influenzare dall’agenda politica equivale metterne in dubbio autorevolezza e autonomia di giudizio. Incapacità di leggere la realtà perché definire il Piano Juncker, che spicca per l’inadeguatezza rispetto a quello che servirebbe per rimettere in moto l’economia europea, una medaglia da appuntarsi al petto è la prova di ignorare la gravità della crisi e quello che serve per combatterla. Oltretutto dimenticando che Juncker presentò il Piano durante la sua campagna elettorale per il ruolo di presidente della Commissione, quindi ben prima dell’inizio del Semestre italiano”.

“E infine – conclude Brambilla – poca memoria perché i margini di flessibilità nell’applicazione del Patto di Stabilità datano già al periodo 2008-2010 quando furono posti in essere in piena crisi finanziaria su iniziativa congiunta di Merkel e Sarkozy. In sintesi, l’ennesimo castello di carte fatto con le bugie di Renzi. Che cadrà pesantemente sulla testa degli Italiani”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*