La Provincia di Bolzano non pubblicherà i dati delle emissioni del termovalorizzatore

“La richiesta era semplice e quasi banale: monitorare non solo a Bolzano sud, ma anche nei territori dei Comuni di Laives, Vadena, Appiano, Bronzolo, i dati di inquinanti collegati o collegabili al termovalorizzatore e poi prevedere, anche per scongiurare qualunque paura sulla presenza del grande impianto, la più ampia pubblicizzazione dei dati fra la popolazione in modo da offrire un quadro reale della situazione”. Così spiega in una nota il Consigliere provinciale a Bolzano Alessandro Urzì, promotore della proposta.

“Ma la mozione è stata impietosamente bocciata dalla maggioranza Svp-Pd, quasi che la sola informazione costituisca un problema”, racconta Urzì. “La richiesta invece era nata da parte dell’Alto Adige nel Cuore dopo i ripetuti incidenti che avevano segnato la fase di avvio di attività del termovalorizzatore”.

Il Consigliere Urzì conclude: “Un diverso approccio di comunicazione sugli effetti di situazioni di emergenza come quelle accadute a suo tempo sembravano rendersi necessarie. Ma invece la maggioranza ha ritenuto il contrario”.