Arrestato per spaccio esponente della Lega Nord Trentino

Sulla vicenda che ha portato all’arresto di due corrieri della droga sta emergendo in queste ultime ore un tremendo scandalo che coinvolge la Lega Nord Trentino. A finire in cella è finito un 51enne noto a Mattarello, sia per la sua professione che per l’impegno per la comunità: si tratta di un consigliere circoscrizionale leghista, che fino a qualche mese fa ha gestito un bar nel sobborgo e già pregiudicato.

La scoperta è avvenuta in occasioni di normali controlli che avvengono all’uscita del Casello di Trento Sud. Qui, tra i molti veicoli fermati, ha destato particolare sospetto una vecchia Hyundai Atos condotta dall’esponente leghista e con a bordo un quarantenne albanese senza fissa dimora, entrambi pregiudicati e nullafacenti. L’agitazione dei due ha fatto immediatamente insospettire le aliquote dell’Arma preposte al controllo che hanno da subito perquisito il mezzo, trovando a bordo, all’interno del vano portaoggetti nel cruscotto, più di tre etti di cocaina purissima divisa in tre confezioni.

I due avevano pensato di cospargere gli involucri esterni con notevoli quantità di talco mentolato, per eludere eventuali controlli antidroga, senza però riuscirvi.

Il dottor Russo, PM di turno ha disposto per i due l’accompagnamento in carcere a Spini.

Le indagini ora proseguono per accertare la provenienza dello stupefacente e le esatte destinazioni sulla città, così come prosegue incessante l’opera dell’Arma di Trento nel controllo, quanto più possibile mirato, sul territorio di questa provincia.

Sulla vicenda è intervenuto l’ex esponente della Lega Nord a Bolzano, Marco Galateo, che ha affermato:“Sarebbe troppo facile infierire su Fugatti. Ma resto garantista e prudente. Se fosse confermato, uno così non c’entra col popolo della Lega. Un po’ di attenzione in più nella composizione delle liste, invece di espellere senza motivi chi lavora per il partito però sarebbe auspicabile se si vuole davvero andare a governare.”