FILIPPO DEGASPERI E L’IMPIANTO EX SAV DI VILLAGARINA

Nel merito della situazione di abbandono nella quale versa l’impianto ex Sav di Villalagarina, il consigliere del M5S Filippo Degasperi esprime le seguenti considerazioni:”Nei giorni scorsi l’Assessore Dallapiccola ha finalmente trovato il tempo per dare risposta all’interrogazione (la N° 977) sul caseificio di Villalagarina, che presentammo a ottobre. Dalle sue parole abbiamo potuto constatare come i nostri timori riguardo il fiume di denaro pubblico investito senza alcun risultato in questa struttura fossero purtroppo corretti. Negli ultimi anni la Provincia ha riversato sull’impianto di Villalagarina oltre 3 milioni di euro per ammodernare le strutture, cui vanno sommati altri 12 milioni del successivo lease back. Cifre ingenti che però non hanno potuto impedire la chiusura del caseificio, oggi un guscio vuoto di proprietà di Cooperfidi”.

“Oltre ad essere grave in sé” continua Degasperi “la vicenda è un perfetto esempio di come viene gestito il denaro pubblico: piani industriali ridotti a carta straccia da usare come grimaldello per accedere al finanziamento pubblico, contributi concessi senza un’adeguata valutazione dei rischi connessi che inevitabilmente si traducono in sperperi e quindi in danno alla collettività”

Conclude Degasperi:”Nel caso dell’impianto ex Sav di Villalagarina l’errore è evidente, i risultati fallimentari dell’investimento lo confermano oltre ogni dubbio. Ciò che colpisce è che chi ha la responsabilità di aver dilapidato milioni di euro pubblici non pagherà in alcun modo per le sue scelte: se un privato sbaglia un investimento ci rimette di tasca propria, col denaro di tutti invece si possono letteralmente buttare via decine di milioni di euro e continuare imperterriti a fare le stesse cose senza nessuna conseguenza, anzi in certi casi ricevendo anche promozioni. Siamo convinti che in un momento storico nel quale si tagliano persino i servizi essenziali questo sistema non sia solo sbagliato, ma addirittura immorale. Come M5S continueremo a lottare per portare alla luce storie come queste, chiedendo giustizia per tutti i cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*