Forza Nuova contro il canone RAI

I militanti forzanovisti hanno depositato un promemoria di lotta e denuncia davanti le sedi regionali RAI presenti sul territorio nazionale. Da viale Mazzini a Roma, a Corso Sempione a Milano, passando per le sedi regionali italiane e ovviamente Trento, la denuncia di Forza Nuova è chiara e decisa: “Nessuna tassa per la TV spazzatura”, questo, infatti, il testo dei volantini che accompagnavano i vari scatoloni a forma di televisore pieni di sacchi di spazzatura.
“Questa è la TV di Stato – in una nota  Numa De Masi, coord. di FN Trentino – una scatola vuota, piena solo di programmi spazzatura che narcotizzano le menti del popolo italiano. Altro che riduzione dell’imposta! Il canone in bolletta diventa un prelievo forzoso (con sanzioni esorbitanti per chi oserà evadere una delle tasse più odiose e fuori dal tempo) fondato sul semplice possesso di uno strumento e su un’implicita, e presunta, adesione all’offerta faziosa della RAI, fatta di palinsesti ridicoli e fatiscenti, volgarità, propaganda gender, risse create ad arte e pseudo approfondimenti palesemente allineati all’imposizione del pensiero unico politicamente corretto”.
“A ciò si aggiunga – conclude De Masi – la scandalosa omertà sui costi del carrozzone, sui compensi dei boss di nomina politica e delle varie “star” e la reale portata della raccolta pubblicitaria, con un’invadenza degli spot che rende il cosiddetto servizio pubblico identico alla spazzatura, gratuita, trasmessa dai ‘privati'”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*