OSPEDALE AD ALA IN FERIE AD AGOSTO: L’INTERROGAZIONE DELLA LEGA NORD

Ad agosto quei pochi servizi ancora esistenti sono chiusi per ferie. Dopo l’attività certificativa ambulatoriale, chiusi il servizio pediatria e lo sportello anagrafe sanitaria.

La crisi dell’ospedale di Ala è ormai irreversibile di fronte alla negligenza delle autorità provinciali“. E’ quanto dichiara il Segretario nazionale della Lega Nord Trentino, Maurizio Fugatti.

Dopo la notizia delle scorse settimane in cui gli utenti venivano avvisati con un cartello affisso sulla bacheca degli ambulatori della sospensione della attività certificativa ambulatoriale a tempo indeterminato, è notizia di oggi di un’altra grave carenza che si sta manifestando in questo periodo agostano.

A darne notizia sempre un semplice cartello affisso alla entrata dell’ospedale che recita: “Lo sportello anagrafe sanitaria rimane chiuso fino al 23 agosto”. Quindi tutti servizi che riguardano: scelta/revoca del medico, registrazione esenzione ticket per patologia, rinnovo tessere sanitarie, remissione tessera sanitaria nazionale, certificazioni per assistenza sanitaria all’estero, sono sospesi. Nel caso di urgenze gli utenti sono invitati a rivolgersi allo sportello anagrafe di via San Giovanni Boscoa Rovereto, mentre per la attivazione della tessera sanitaria occorre rivolgersi allo sportello comunale.

In pratica nel periodo agostano all’ospedale di Ala i servizi non vengono garantiti, e la azienda sanitaria non è nemmeno in grado di sostituire temporaneamente una persona addetta a queste funzioni.

Fugatti prosegue: “Per non farsi mancare nulla nei giorni scorsi pure il servizio pediatra è stato sospeso: chiuso per 20 giorni, pare perché una operatrice sia andata  in pensione, un’altra operatrice sia andata in ferie, e in sostituzione la Azienda sanitaria pare non volere mettere nessuno. Di conseguenza coloro che hanno necessità di questo servizio devono recarsi a Rovereto“.

“A questo punto basta solamente che vengano tolti i prelievi e nessun servizio sarà più presente all’interno dell’ospedale di Ala”, aggiunge il Segretario nazionale trentino leghista.

Tutto ciò premesso, Maurizio Fugatti interroga il Presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi (PATT) per sapere: per quale motivo la attività certificativa ambulatoriale è stata chiusa a tempo indeterminato; per quale motivo sono sospesi i servizi di sportello anagrafe sanitaria e la pediatria; per quale motivo gli utenti non sono stati avvisati anzitempo della assenza di tali servizi; e infine qual è il progetto del nuovo Assessore Luca Zeni per l’ospedale di Ala.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*