ROVERETO. FDI-AN FURIOSA DEL VOLTAGABBANA ZENATTI

Riceviamo e volentieri pubblichiamo quanto ci ha scritto Guerrino Soini in merito alla decisione da parte di Marco Zenatti, ex- Alleanza Nazionale e candidato Sindaco del centrodestra, di sostenere quello di centrosinistra Miorandi.

Se c’è stato uno in Fratelli d’Italia che si era fieramente opposto alla candidatura di Marco Zenatti quale candidato Sindaco della coalizione FdI-AN, Lega Nord, Progetto Città di Rovereto questo sono stato io. La contingenza dei fatti non ci ha consentito di fare altrimenti ed io, come altri, abbiamo fatto buon viso a cattivo gioco cercando di condurre al meglio la nostra campagna elettorale.

Il venerdì prima delle elezioni, alla bicchierata di fine campagna, il buon Marco, sentito qualcuno che aveva tirato in ballo la storia del passaggio di sponda della Lorenzi, andava spergiurando che non ci avrebbe mai traditi.

Nell’ultima riunione di coalizione si doveva decidere se uscire o meno sulla stampa con la richiesta di chiarimento di posizione, sui punti dell’allora nostro programma, a Miorandi e Valduga, lo stesso Zenatti ebbe ad asserire che se FdI-AN, in quella sede rappresentato dal sottoscritto, e Lega Nord si fossero dichiarati contrari si sarebbe astenuto dal porre la questione. Evidentemente il rifiuto di entrambe le formazioni non era nei suoi piani e, fregandosene altamente di un accordo di segno contrario stilato a suo tempo, Zenatti, a mezzo stampa poneva la sua serie di domande  ai due candidati sindaco rompendo di fatto la coalizione e generando, come prevedibile, una serie di reazioni negative da parte dei nostri sostenitori.

Ora io mi chiedo il perché di questo atteggiamento, che nulla di concreto ha portato alle nostre liste, nulla se si esclude un possibile accordo personale  Zenatti – Miorandi oggi ventilato dalla stampa e, peraltro già noto da qualche giorno negli ambienti del Consiglio Provinciale.

Posto che ciò sia vero, non posso esprimere fino in fondo il sentimento di disgusto che questo atteggiamento mi provoca perché è l’atteggiamento tipico del serpente che sta buono buono finchè fa comodo e poi ti morde facendoti morire. Ed è proprio così, vedete sempre il buon Zenatti in virtù di un risultato elettorale non esaltante ( 3,4 % ) si ritrova in Consiglio Comunale a spese di Fdi-AN che vanta più di 1 punto percentuale in più di consensi. E’ vero, sono le regole della politica ma etica vorrebbe che, in presenza di questa situazione, un uomo che volesse definirsi tale rassegnasse le dimissioni ponendo il suo seggio a disposizione di chi, nella sostanza dei fatti, lo ha guadagnato sul campo; ancor più se, come sembra, lo stesso pare disponibile ad accordi che nulla hanno a che fare con la coalizione che ha avuto la pretesa di condurre.

Le reazioni della coalizione sono evidenziate dalla conferenza stampa tenuta oggi da Lega Nord e FdI-AN e della quale vien dato conto in queste pagine. Quello mi preme sottolineare è il tradimento di un uomo non nuovo a stramberie politiche e che personalmente non voglio più trovarmi tra i piedi per nessun motivo.

Guerrino Soini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*