Tentata rapina in pieno giorno a Trento, Lega Nord: “Andreatta tiri fuori la testa dalla sabbia”

A Trento tentata rapina in pieno giorno: “Il Sindaco Andreatta tiri fuori la testa dalla sabbia e garantisca la sicurezza dei cittadini!”.

“Sulla cronaca locale di oggi, ecco l’ennesimo episodio che dimostra come la città Trento sia tutt’altro che il roseo e sicuro capoluogo descritto dal Sindaco Andreatta e dalla sua maggioranza. Abbiamo sollevato ormai centinaia di volte il problema della sicurezza e dell’aumento della microcriminalità, ma questi aspetti vengono ripetutamente sottovalutati da chi governa la città”. Così in una nota critica la sezione di Trento della Lega Nord.

“Giustappunto, nella tarda mattinata di ieri (e quindi in pieno giorno), un’educatrice del nido d’infanzia “Clarina” è stata avvicinata davanti all’ingresso del nido in Via Einaudi da due ragazzi di colore e minacciata con un coltello”, si legge nel comunicato. “Presumibilmente i due volevano rapinare la donna, che presa dal panico ha iniziato a gridare e ha continuato a farlo, nonostante uno dei due le abbia fatto segno di tacere, riuscendo nell’intento di farli scappare. Fortunatamente la giovane educatrice ne è uscita illesa, è entrata nella struttura, comprensibilmente sotto shock ha raccontato l’accaduto ai colleghi ed ha avvertito le Forze dell’Ordine. Ovviamente dei due ragazzi di colore parrebbe che finora non si abbia traccia”.

“Ci chiediamo – aggiungono gli esponenti leghisti di Trento – cosa debba succedere ancora, prima che Andreatta decida di “tirare fuori la testa dalla sabbia”, smettendo di prendere in giro i cittadini (dipingendo l’immagine di una città sicura che non esiste!) ed iniziando a prendere dei provvedimenti concreti per cambiare le cose”.

“I cittadini e gli esercenti non ne possono più di avere paura, e c’è da chiedersi come si possa dar loro torto! Oramai anche in pieno giorno la città è diventata pericolosa, si rischia di essere rapinati, aggrediti o peggio in qualsiasi momento”, afferma la Lega Nord Trentino. “Che cosa deve succedere perché a Trento cambi qualcosa? Perché oramai di episodi che hanno dell’incredibile a nostro parere ne sono accaduti fin troppi: guerriglie in centro, aggressioni, pestaggi, rapine, tentate violenze e chi più ne ha più ne metta, ormai purtroppo non ci manca nulla”.

La sezione leghista di Trento commenta: “Il Sindaco Andreatta e la sua Amministrazione hanno dimostrato la loro incapacità di gestire il Capoluogo e garantire sicurezza e vivibilità ai propri cittadini. E’ inaccettabile che le vie del Capoluogo siano lasciate nelle mani di malviventi, che si trasformino in zone di guerriglia e che non si faccia nulla per fermare tutto questo”.

La Lega Nord Trentino conclude: “I trentini hanno paura, sono sempre di più le vittime di questa politica scellerata a favore del buonismo, dell’integrazione a tutti i costi, e noi ancora una volta ci schieriamo contro questa maggioranza, a tutela dei cittadini, che non possono essere abbandonati a loro stessi, prigionieri nelle proprie città”.