Trento, Claudio Cia rifiuta l’indennità delle sedute sull'”identità di genere”

A partire da domani, martedì 15 settembre, e fino a giovedì 17 settembre, l’aula del Consiglio provinciale sarà nuovamente impegnata nella trattazione del Disegno di Legge “Interventi di contrasto delle discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale, dall’identità di genere o dall’intersessualità”. Si tratta – incredibilmente – dell’argomento più lungamente trattato dall’aula in questi primi due anni di legislatura.

Come esponente delle minoranze consiliari, non posso che ribadire che il nostro atteggiamento ostruzionistico ha inteso evidenziare tutte le (volute) ambiguità, le incongruenze legislative e la fragilità delle basi empiriche di un testo evidentemente ideologico, che peraltro non faceva parte del programma elettorale del Presidente della Provincia e della sua coalizione“. E’ quanto dichiara il Consigliere provinciale a Trento di Centro-Destra Claudio Cia in una nota indirizzata a Presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti.

A questo punto non posso che manifestarLe un profondo disagio, che credo un uomo con la Sua storia personale possa comprendere, per una situazione che sta allargando sempre più la distanza tra cittadini e Istituzioni, e che sta ritardando in modo inaccettabile la trattazione da parte del Consiglio di questioni ben più aderenti ai problemi dei nostri concittadini, delle famiglie, delle imprese, dei giovani che cercano faticosamente lavoro, di coloro che il lavoro l’hanno perso, di persone anziane e ammalate che vivono i drammi della non autosufficienza. Ritengo non più eticamente accettabile che il calendario del Consiglio si debba adeguare al tentativo di colonizzazione ideologica di una lobby assolutamente minoritaria, che lamenta discriminazioni che sono già abbondantemente superate nella nostra comunità trentina, quand’anche ve ne fosse stata traccia in passato“, aggiunge Cia.

Cia conclude: “Per quanto qui esposto, senza far venir meno evidentemente la mia presenza e il mio contributo ai lavori del Consiglio nei prossimi giorni, Le chiedo cortesemente di trasmettere agli uffici competenti la disposizione di trattenere dalla mia indennità mensile il corrispettivo delle tre giornate di presenza in aula, con connessa riduzione della base imponibile contributiva non ritenendo giusto addebitare alla collettività i costi di questo dibattito palesemente scollegato dai reali problemi della nostra comunità trentina“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*