Azione Nazionale: “La RAI rispetti la Folgore!”

“Nella puntata di mercoledì sera della fiction “Una pallottola nel cuore” è andato in onda il solito luogo comune diffamatorio per cui i paracadutisti della Folgore sarebbero particolarmente vocati alla violenza e a qualunque atto criminale .

È quanto si evince dall’episodio in questione che, oltre a farci apprezzare l’abilità, in primis, di un intramontabile Gigi Proietti e di un cast di bravi attori, ha rappresentato due ex commilitoni di questo reparto militare, con tanto di tatuaggio sull’avambraccio, come due delinquenti, peraltro, non particolarmente brillanti .

Abbiamo trovato questa cosa, sinceramente, ignobile e figlia di una subcultura che pensavamo definitivamente alle nostre spalle, evidentemente sbagliavamo.

Tanto più grave perché demenzialità prodotta e trasmessa attraverso il nostro principale canale di Stato. Patetiche le frasi con cui uno dei due ex parà ricorda all’amico quello sguardo, quella comune esperienza ,quel qualcosa che, in maniera sottile ma non troppo, rimanda ad una predisposizione criminale, quasi innata, in linea con la scelta di appartenere a quella particolare specialità militare.

Non vogliamo farla troppo lunga ma solo ricordare che la Folgore è uno dei reparti più prestigiosi del nostro esercito, puntualmente presente negli scenari di crisi più pericolosi del mondo e li inviato sempre come avanguardia insieme ad una serie di altri contingenti militari che rappresentano il fiore all’occhiello delle nostre forze armate.

Maggiore attenzione da parte della Rai sarebbe stata cosa gradita e dovuta verso chi ogni giorno rischia la vita per la propria Patria”.

Lo dichiarano in una nota Gloria PASQUALI e Marcella AMADIO, dirigenti nazionali di Azione Nazionale.