ALCATEL LUCENT, TURI (FIOM-CGIL): “I LAVORATORI IN PRESIDIO A MONTECITORIO”

Oggi si è svolto un presidio di una delegazione di lavoratori di Alcatel Lucent davanti al Parlamento in concomitanza con lo sciopero di otto ore proclamato a livello nazionale dalla Fiom-Cgil per bloccare i licenziamenti, avere garanzie sul futuro dello stabilimento di Trieste e aprire subito un tavolo di confronto sull’acquisizione di Alcatel Lucent da parte della Nokia.

“Lo sciopero ha avuto una buona riuscita e durante il presidio i lavoratori hanno avuto modo di incontrare deputati e senatori ai quali hanno chiesto di sostenere la loro vertenza. La Fiom-Cgil ritiene che vada immediatamente trovata una soluzione per i quaranta lavoratori che rischiano di essere licenziati a partire dall’8 maggio. È fondamentale che il ministero del Lavoro dia la possibilità di utilizzare lo strumento della cassa in deroga per avere più tempo a disposizione per poter ricollocare i lavoratori”. E’ quanto afferma Roberta Turi, segretaria nazionale della Fiom-Cgil.

“Rispetto al futuro dello stabilimento produttivo di Trieste e alla recente acquisizione da parte della Nokia, la Fiom-Cgil ritiene che il Governo debba intervenire con forza sulle due multinazionali e si debba avviare un confronto presso il ministero dello Sviluppo economico al fine di tutelare l’occupazione e dare continuità alle attività produttive svolte in Italia”, conclude Turi.

[Photocredit rsuibmsegrate.altervista.org]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*