ANTIBIOTICO RESISTENZA: EMERGENZA SOCIALE OLTRE CHE SANITARIA

Allarme anche in Italia  per il  moltiplicarsi del numero delle malattie che resistono alle terapie antibiotiche. L’eccesso di prescrizioni e  di uso improprio sta portando ad un aumento  drammatico di ceppi resistenti. Si conosce la antibiotico resistenza negli ospedali ma si fa poco o niente per combatterla. Poco o niente si conosce la resistenza a livello territoriale.

La Federconsumatori dichiara: “Non è possibile ignorare questo allarme. E’ necessario decidere di operare  con il massimo rigore scientifico e a livello territoriale”.

In primo luogo – sottolinea la Federconsumatori – prendere in considerazione le ipotesi di mappature territoriali della resistenza a germi che più frequentemente sono all’origine delle patologie infettive. In concreto è necessario fare tesoro delle proposte del Progetto ARES dell’Università degli studi di Milano, in particolare delle iniziative che stanno sperimentando a Napoli con Federconsumatori Campania: realizzare  reti di medici sentinelle e reti di laboratori nei territori; formazione per medici e tecnici di laboratorio; metodi di raccolta dati, di diagnosi e di valutazione di esami e controlli”.

 “L’obiettivo è superare criticità prevedibili e le difficoltà attuali, formare personale sanitario e informare/educare i cittadini pazienti. In questo senso – conclude la Federconsumatori – assume sempre maggiore rilevanza investire sulla ricerca e su nuovi farmaci.

[Photocredit scienza.studionews24.com]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*