GIUSTIZIA, SCALATA UNIPOL A BNL: DOPO 10 ANNI LA SENTENZA DEFINITIVA

“Arriva dopo 10 anni la sentenza definitiva della Corte di Cassazione che assolve, perché il fatto non sussiste, gli imputati (tra i quali Antonio Fazio, già governatore della Banca d’Italia e l’ex-presidente di Unipol, Giovanni Consorte), per il reato di aggiotaggio per la tentata scalata di Unipol alla Bnl. I fatti ebbero una particolare enfasi mediatica, oltre per i nomi sopracitati, anche perché fu coinvolto Stefano Ricucci, quello dei furbetti del quartierino, che tentò la scalata al Corriere della Sera”. E’ quanto dichiara Primo Mastrantoni, segretario Aduc.

“Il processo è durato 10 anni per poi – continua Mastrantoni – concludersi con un nulla da fatto. 10 anni di sofferenze e di spese. Chi risarcisce? All’epoca i media si gettarono sulla notizia. Come al solito il fatto di essere indagati, cioé di aver ricevuto un avviso di garanzia, che serve a garantire l’indagato non a dichiararlo colpevole, costitutiva motivo di condanna: il patibolo era pronto”.

“I giustizialisti sono sempre al lavoro, occorre diffidare”, conclude il segretario Aduc.

[Photocredit www.immoderati.it]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*