PASSIONE, CORAGGIO E IDENTITA’. LA LEZIONE DI FERRERO

Ci lascia a 89 anni uno degli ultimi capitani d’impresa italiani L’Italia ha perso uno dei più importanti rappresentanti dell’industria e del “Made in Italy”: all’età di 89 anni si è spento Michele Ferrero, il papà della Nutella, del cioccolato Kinder e di un’infinità di prodotti che hanno accompagnato la quotidianità di piccini e non da sessanta anni a questa parte. A darne l’annuncio è proprio l’azienda di Alba che ha voluto ricordarlo con queste semplici parole “Siamo fieri di te. Grazie Michele”

Quella di Michele Ferrero è una storia di grande successo imprenditoriale, legata al capitalismo familiare.
Ferrero ereditò l’azienda dal padre e seppe svilupparla fino a renderla una delle maggiori multinazionali nel settore dolciario. Nutella, Tic Tac, Estathè, Pinguì, Ferrero Rocher, Pocket Coffe, Mon Cheri, Raffaello, Kinder Cioccolato, Kinder Bueno, Tronky, Kinder Sorpresa, Kinder Brioss, Fiesta e molti altri sono presenti in più di 50 paesi e l’azienda vanta 34.000 collaboratori e 20 stabilimenti produttivi e 9 aziende agricole.
Alla base del suo successo tre semplici regole: attenzione per il consumatore, innovazione come premessa per il successo e, infine, dedizione all’azienda e spirito di impresa.
Il suo nome non sarà legato solo al successo economico, ma anche alla dimensione sociale: infatti nel 1983 creò la Fondazione Ferrero. “Lavorare, creare e donare” sono le parole chiave di questa struttura, il cui obiettivo era quello di occuparsi degli ex-lavoratori e di realizzare progetti di impresa sociale. Molti commentatori hanno detto che Ferrero abbia realizzato il sogno di Olivetti, o per dirlo in altre parole, il suo impegno era finalizzato a rendere Alba un’oasi di benessere sociale.
Ferrero è un esempio di “fare impresa” che ogni giovane rampollo di famiglia imprenditoriale dovrebbe tenere a mente. Michele Ferrero ci lascia una grande lezione: con spirito di occasione e coraggio si possono creare grandi successi.

Alice Quinto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*