Taglio del nastro al Centro tennis di Arco

Si è svolta nella mattina di martedì 19 luglio l’inaugurazione del rinnovato campo coperto del Centro tennis Arco, presenti per l’Amministrazione comunale il sindaco Alessandro Betta e l’assessora al turismo Marialuisa Tavernini. Onori di casa a cura del presidente Piero Parisi. Presente anche il presidente della Cassa Rurale Alto Garda Enzo Zampiccoli.

I due campi da tennis coperti sono stati realizzati nel 1999, 17 anni fa, ed erano da tempo in cattive condizioni. Ricevuta la richiesta del Centro tennis di intervenire, l’Amministrazione comunale ha adottato la procedura, già sperimentata con successo, di delegare l’associazione sportiva alla realizzazione del progetto e dell’intervento, concedendo un finanziamento (in questo caso 25 mila euro, corrispondente a circa l’85 per cento del costo). Questo perché i tempi di realizzazione si riducono in misura rilevante, e perché inoltre l’attivarsi in prima persona dei diretti interessati porta ad un risultato migliore, trattandosi dei fruitori dell’opera, come tali in grado di dare risposta più efficace a esigenze che conoscono come nessun altro.

CtA_3Contestualmente il Centro tennis ha rinnovato anche l’impianto di illuminazione degli stessi campi coperti, scegliendo un sistema ad alta efficienza con tecnologia led, per il quale ha ricevuto un finanziamento dalla Cassa Rurale (anch’esso corrispondente a circa l’85 per cento del costo).

«Il lavoro l’abbiamo affidato a tecnici esperti – ha detto il presidente Parisi in apertura della cerimonia – e possiamo assicurare che il risultato è di altissimo livello. Ad esempio, la pavimentazione è realizzata con una serie di strati gommosi che contribuiscono a tutelare le giunture dei giocatori. Il costo dell’intervento sarebbe stato proibitivo per le nostre casse, invece con il contributo del Comune e della Cassa Rurale è stato possibile affrontarlo, visto che il nostro bilancio da qualche anno ormai è in attivo di alcune migliaia di euro l’anno».

«Questo è un risultato concreto e necessario – ha detto l’assessora Tavernini – perché il campo aveva assolutamente necessità di essere riammodernato, e perché il Centro tennis Arco è un’associazione sportiva che svolge un lavoro enorme sul nostro territorio, basti pensare che ha una storia di 60 anni alle spalle, che ha 200 iscritti e che gestisce 90 tra bambini e ragazzi. Ricordo che il Trofeo Città di Arco, la cui edizione 2016 si è conclusa da poco, è uno dei più antichi e importanti dell’Alto Garda. Per tutto questo non solo l’intervento andava fatto, ma voglio cogliere l’occasione per ringraziare il nostro Centro tennis della sua meritoria e appassionata attività».

CtA_2«Come Amministrazione comunale siamo molto soddisfatti – ha detto il sindaco – perché il nostro motto, che riassume il programma di governo, è “Costruire comunità”». Qui dalle parole siamo passati ai fatti, trovando una soluzione, ovvero la responsabilizzazione diretta dell’associazione, che ancora una volta ha dato risultati eccellenti. Che di un simile intervento si occupi chi i campi da tennis li frequenta e li conosce bene, è una scelta efficace che dà risultati molto positivi. Mi complimento con il Centro tennis sia dei lavori fatti, sia della grande attività sportiva ed educativa, con un augurio di buon lavoro e buono… sport».