C’ERA UNA VOLTA LA SERIE A

C’era una volta la Serie A, c’era una volta il campionato più bello al mondo, c’erano una volta le 7 sorelle e una Nazione, la nostra, che veniva rispettata e temuta da tutti a livello europeo; già, c’era una volta. Nel corso degli ultimi anni infatti, il campionato italiano, vuoi per la crisi, vuoi per la cattiva gestione dei nostri Club, ha subito un netto ridimensionamento e dopo la sciagurata semifinale di ritorno di Europa League tra Juventus e Benfica, ha incassato l’ennesimo schiaffo: nel Ranking europeo della Fifa l’Italia è scesa al quinto posto, superata addirittura dal Portogallo. Se dunque la squadra di Antonio Conte domina incontrastata a livello nazionale macinando punti su punti e stabilendo ogni possibile record, ciò non vale in Europa, dove i bianconeri fanno una grandissima fatica evidenziando quanto prima anticipato:  il nostro campionato non è più paragonabile a Liga, Premier e Budensliga, bensì è di almeno un gradino sotto, alla pari di quello francese e portoghese.

Ad aggravare ancor di più la situazione sono soprattutto le conseguenze che a breve avremo a causa del sorpasso dei lusitani. L’anno prossimo tutto rimarrà invariato: due squadre dirette in Champions e una tramite i preliminari e tre per l’Europa League (due dirette e una tramite Coppa Italia), ma se le cose dovessero ulteriormente peggiorare allora sarebbero davvero dolori: l’Italia avrebbe una sola squadra direttamente qualificata alla Champions e un’altra ai preliminari; per nulla consolatoria la presenza di ben quattro italiane in Europa League. Francia e Russia ci insidiano e sono prossime al sorpasso. Speriamo solo che il tutto non si rifletta anche nell’imminente Coppa del Mondo.

Filippo Migheli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*