TRE GIOVANI ITALIANI FIRMANO COL XV DEL NORD-OVEST: CECCARELLI, RUZZA E VIOLI

La società Zebre Rugby comunica di aver raggiunto un accordo contrattuale con tre giovani italiani che vestiranno la maglia bianconera per le prossime due stagioni sportive: il pilone Pietro Ceccarelli, la seconda linea Federico Ruzza ed il mediano di mischia Marcello Violi.

Violi e Ruzza ritrovano il campionato celtico avendo esordito nella Guinness PRO12 in questa stagione in qualità di permit players. Il nocetano Violi – cugino dell’altro bianconero Ferrarini – è sceso in campo a Novembre a Llanelli prima di essere aggregato al gruppo azzurro all’ultimo Sei Nazioni 2015 dal ct della nazionale italiana Jacques Brunel. Il mediano ha vestito per tre volte la maglia della nazionale Emergenti all’ultima IRB TIblisi Cup dell’estate scorsa in Georgia, mentre ha vinto il Junior Trophy U20 in Chile nell’estate 2013 in meta nella finale vinta contro il Canada a Temuco.

La seconda linea Ruzza ha giocato nel XV del Nord-Ovest per due volte nella finestra internazionale invernale del Sei Nazioni 2015 nelle due sfide dello Stadio Lanfranchi contro Glasgow Warriors e Dragons cogliendo anche la vittoria contro i gallesi. Il padovano è reduce dall’ultima edizione del Mondiale U20 in Nuova Zelanda 2014 dove ha vestito i colori azzurri sotto la guida di Troncon e Jimenez. In questa stagione il giocatore ha partecipato anche al raduno della Nazionale Seven di coach Vilk a Parma a Settembre 2014 giocando il torneo europeo di Bucarest con la maglia dell’Italseven.

Prodotto della Rugby Roma 2000, il pilone Ceccarelli rientra invece in Italia dopo l’esperienza francese. Il pilone é stato Azzurro Emergenti 2013 ed Azzurro U20 al Sei Nazioni 2011, 2012 ed alla Coppa del Mondo Junior 2012 sotto la guida di coach Green. Il romano ritroverà a Parma diversi compagni del mondiale U20 sudafricano quali Bisegni, Padovani, Sarto e appunto Violi. Nelle quattro stagioni oltralpe Ceccarelli ha vestito la maglia de La Rochelle prima negli Espoirs e poi nel PROD2 2013/14 e quella del Macon nell’ultima stagione appena conclusa nel campionato Federale 1.

Il presidente delle Zebre Rugby Pier Luigi Bernabò sottolinea l’importanza di inserire giovani di prospettiva: “Nei prossimi giorni potremo annunciare l’inserimento di altri 3 giocatori dal profilo simile a quello di Ceccarelli, Ruzza e Violi. Questi giovani, unitamente ai vari Bisegni, Fabiani, Padovani e lo stesso Leonardo Sarto avranno l’opportunità di misurarsi ad alti livelli e, dopo aver fatto un percorso di crescita nel campionato domestico, dimostrare di valere la competizione internazionale e diventare un punto fermo del nostro club”.

“Siamo soddisfatti del lavoro che sta svolgendo De Rossi insieme allo staff tecnico e siamo convinti che si stia allestendo una squadra che potrà essere competitiva e consentire ai nostri promettenti ragazzi di giocare in un contesto strutturato, anche grazie all’inserimento di atleti importanti”, ha aggiunto il numero 1 della franchigia federale.

Emerge in modo chiaro dalle parole del presidente il forte legame d’intenti tra le Zebre ed il movimento dell’alto livello nazionale: “La crescita di un club e dei giocatori non può prescindere dai risultati sul campo e saranno ora i fatti concreti che chiariranno se l’impostazione data dal CDA delle Zebre Rugby è quella giusta. La franchigia è una costola della Nazionale e soltanto con la condivisione e l’impegno di tutti (dirigenti, tecnici e giocatori) si potrà invertire l’attuale andamento e raggiungere ambiziosi obiettivi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*